Dove investire per mettere al sicuro i propri risparmi?

E’ notizia di pochi giorni fa che l’Argentina ha svalutato la propria valuta del 35% perdendo quindi in meno di un giorno un terzo del proprio valore. Coloro che si sono ritrovati con i propri risparmi in valuta locale, sia essi in contanti che in un conto in banca hanno perso una parte sostanziale dei loro risparmi. Sebbene la valuta si sia aggiustata al valore della propria economia, molti governi storicamente hanno cercato di mantenere un valore troppo elevato per la propria valuta dovendo poi svalutare all’improvviso.

In una crisi di tipo valutario investire in oro protegge da queste situazioni. Storicamente un investimento in oro ha protetto migliaia di persone da crisi non solo valutarie, ma da crisi finanziarie o processi inflattivi che fanno perdere potere d’acquisto alla propria valuta. Gli investimenti in oro hanno solitamente correlazione negativa rispetto ad altri investimenti come quelli azionari e obbligazionari. Ciò sta a significare che durante i periodi di crescita, le azioni e le obbligazioni crescono mentre il valore e le quotazioni dell’oro diminuiscono in termini nominali. Questo si spiega perché l’investitore sposta gli investimenti dove sono più produttivi e si possono avere ritorno maggiori. Nei periodi di crisi accade il contrario, le azioni e le obbligazioni crollano e gli investimenti si spostano sugli investimenti più sicuri che storicamente sono stati oro e argento poiché non inflazionabili come una qualunque valuta.

Il mondo cambia ma affidarsi all’oro non smette mai di essere la preferenza degli investitori nei periodi in cui si cerca di mantenere il potere d’acquisto del proprio patrimonio. Investire in oro significa investire nel lungo termine proteggendosi da eventuali crisi future che ciclicamente si presentano. Ci saranno fluttuazioni delle quotazioni oro ma nel lungo termine il potere d’acquisto è sempre stato mantenuto, da oltre 3000 anni.

Un investimento di questo genere può significare investire in oro fisico come monete d’oro (sterline, marenghi d’oro, krugerrand) o lingotti d’oro o in oro finanziario come ETC, ETF oro o opzioni. Le quotazioni delle monete rendono questo investimento appetibile per piccoli importi di investimento (a partire da qualche centinaia di euro), mentre i lingotti d’oro in genere sono preferiti quando non ci si deve curare di dover frazionare e liquidare a breve l’investimento e quando si hanno maggiori somme da investire in oro.
Considerando il periodo storico che stiamo vivendo e l’incertezza a livello internazionale dell’economia, delle plausibili bolle che si stanno creando, mettere al sicuro il proprio patrimonio con un investimento in oro potrebbe significare la differenza tra affrontare una crisi serenamente o vedere svanire una parte di risparmi, risultato di anni di duro lavoro.

3lingotti oro